I genitori come risorsa terapeutica

Autore: Dott.ssa Maura Santandrea (2008)

Famiglia e comunicazione
Ogni componente della famiglia costituisce una risorsa importante all’interno di una terapia familiare.
Spesso accade che il ruolo del genitore sia il più attaccato e condannato, quasi fosse colpa del genitore se un figlio manifesta dei disagi! In verità ogni componente della famiglia è interdipendente dagli altri e la relazione che si viene a creare all’interno del nucleo familiare è frutto di un’ interazione reciproca, in cui ognuno porta il suo contributo, più o meno implicitamente, e contribuisce a dare una direzione al rapporto in corso.
La nostra esperienza ci insegna che, nel lavoro con le famiglie,  non ha senso parlare di colpe, negligenze o carenze di uno più che di un altro come se l'andamento di una relazione dipendesse solo da qualcuno in particolare. Riteniamo invece molto più realistico leggere i disagi presenti come dei tentativi, da parte di ognuno, di far fronte a delle difficoltà personali o relazionali con gli strumenti che egli, in quel momento, ha a disposizione. Ma spesso accade che queste strategie personali finalizzate alla risoluzione di un problema, non portino la persona ad ottenere i risultati sperati, ad esempio: si cerca di comunicare reciprocamente qualcosa senza trovare il modo più efficace per farlo con il risultato di sentirsi incompresi o impotenti; di esprimere richieste d’aiuto attraverso modalità comunicative che rischiano di essere fraintendibili; di arginare l’ ansia vissuta in momenti particolari della vita col rischio che la propria inquietudine assuma la forma di distacco emotivo, indifferenza, intolleranza, rifiuto, o un peso per l'altro.

Rapporto tra genitori e figli
A volte accade che i momenti difficili della crescita di un figlio, possano coincidere con altrettante difficoltà dei genitori che, prima ancora di essere “genitori”, sono “esseri umani” e, come tali, esposti ai problemi che la comune esistenza comporta: conflitti coniugali, familiari, lavorativi, momenti di sconforto dovuti ad imprevisti, temporanee vulnerabilità, pensieri di carattere economico-finanziario da cui dipende il benessere dell’intera famiglia, rapporti complicati con i vecchi genitori o con i fratelli, senso di solitudine provocato dall’indisponibilità, più o meno prolungata, del sostegno del proprio coniuge per i motivi più disparati…….
In questi casi può accadere che genitori e figli, sebbene legati da un affetto indiscutibile, non riescano a trovare dei punti d’incontro nonostante entrambi cerchino di impegnarsi massimamente per migliorare la relazione: il genitore vorrebbe esprimere sostegno senza compromettere il messaggio educativo e il figlio vorrebbe perseguire la spinta verso la crescita autonoma senza deludere la figura genitoriale o rischiare di perderne l’affetto.
Queste due esigenze, di cui ogni parte in causa si fa portavoce, molto spesso sembrano inconciliabili e ognuno dei partecipanti al conflitto familiare, tende ad attribuire la colpa all’altro che, pertanto, diventa “il cattivo”, la causa di tutti mali, “il responsabile” del problema, quando alla base del comportamento di ognuno c'è invece un' unica istanza che non solo li accomuna, ma nasce dall'affetto e dall'importanza che attribuiamo all'altro: il desiderio di "essere all'altezza di" .

Essere genitori
Quando un componente della famiglia manifesta un problema, ogni altro membro del nucleo costituisce una preziosa risorsa per la risoluzione del problema stesso in quanto, molti aspetti della relazione che ha con l’altro, possono trasformarsi in un valido aiuto al benessere di ognuno e, più in generale, di tutta la famiglia.
Il ruolo centrale, in questo processo di aiuto, è costituito proprio da quei genitori che invece, spesso ingiustamente, vengono accusati di essere la causa del malessere.
Il ruolo del genitore è una funzione molto complessa e delicata che frequentemente non viene compresa da chi non la ricopre e per questo facilmente attaccabile, ma è anche plausibile che colui che non sperimenta la genitorialità, come per esempio un figlio, non riesca a comprenderla: è proprio questa distanza concettuale tra genitori e figli che rende tale funzione unica e preziosa e che caratterizza la relazione.
La funzione genitoriale richiede tutta una serie di competenze con cui ci si confronta solo quando si entra a far parte del mondo dei genitori per cui, nonostante alcune persone abbiano potuto fare esperienze precedenti più o meno propedeutiche a questa fase della vita, non si arriva mai abbastanza preparati ad assolvere questo compito e non se ne comprende la gravosità e la bellezza fino a quando non si sperimenta davvero.
 

Famiglia, genitori e responsabilità
Spesso il genitore è messo davanti a scelte difficili non solo rispetto ai figli, ma anche rispetto ad altri contesti: con il partner, con i familiari, a lavoro.....e la difficoltà, in molti casi, è dovuta proprio al doppio ruolo che un genitore riveste perché, oltre ad essere un coniuge, un figlio, un lavoratore si sente “soprattutto genitore” e non sempre questa molteplicità di incarichi volontari o involontari, favorisce scelte che accontentino tutti coloro che fanno parte dei nostri contesti di vita.
All’interno di una relazione, la compartecipazione in atto prevede sempre un’influenza reciproca e circolare sul rapporto in corso, sia nelle situazioni di benessere che di malessere del rapporto. In una famiglia sono necessariamente presenti relazioni che possono essere più o meno serene ma, in ognuna di queste, la responsabilità sulla salute del legame affettivo ed emotivo, è equamente distribuita, senza colpevoli preferenziali o designati, tranne che nei casi di evidente assenza di accudimento da parte dell’adulto in relazione ad un minore.

Famiglia e terapia familiare
Ci sono momenti particolari della vita di una famiglia in cui è più facile che si presenti il rischio di incomprensioni e tensioni e queste, a volte, rischiano di trasformarsi in disagi acuti che sembra difficile superare. La terapia familiare aiuta ogni persona del nucleo familiare a riscoprire nuove possibilità di esprimersi e di partecipare alla relazione, favorendo l’emergere di qualità e competenze che vengono portate alla luce proprio grazie alla presenza e all’aiuto degli altri familiari, senza i quali probabilmente non si creerebbero le condizioni ideali per farle riaffiorare.

È per questo motivo che riteniamo di primaria importanza la presenza di quanti più familiari possibili durante la terapia, perché ogni persona affettivamente significativa, costituisce una risorsa terapeutica inestimabile.

NOTE: Il contenuto di questo articolo è protetto dal Diritto d'autore